70, 80, 90. Area, Vasco, CCCP

Festival del Proletariato giovanile, Milano, Parco Lambro, luglio 1976.

Gli anni settanta finiscono con l’assassinio di Aldo Moro e la morte di Demetrio Stratos.
Demetrio e gli Area cantavano “… il mio mitra è un contrabbasso che ti spara sulla faccia quel che penso della vita, con il suono delle dita si combatte una battaglia che ci porta sulle strade della gente che sa amare…”.
Gli imbecilli hanno pensato che invece bisognava sparare per davvero. Gli anni ’70: la creatività e la violenza.
C’è un filo che collega i ’70 agli ’80, gli Area a Vasco Rossi. E’ lo stesso disagio, è la stessa rivolta contro i luoghi comuni, è lo stesso desiderio di emancipazione dai genitori, dagli insegnanti, dal perbenismo. Rappresentare i giovani per il loro impegno politico e sociale, questo hanno fatto gli Area, rappresentare i giovani per i loro disagi amorosi questo ha fatto Vasco. Poi ci sono stati i CCCP, loro non sapevano suonare ma sapevano far casino, non solo con i suoni ma confondendo le idee: la straordinaria bellezza del dubbio, la totale insicurezza che produce la certezza del dubbio.
Ringrazio l’inventore dei dubbio e tutti i suoi seguaci da Abramo a Galileo dagli Area a Vasco ai CCCP.
E’ il dubbio la matrice della creatività e il sale dei sentimenti.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: