archivio

l’arte é una stupida cosa

 

1 febbraio 2011. No ho sbagliato io, sto Ai Weiwei è un genialone, questa serie di operette con il dito alzato davanti ai palazzo del potere sono di fine anni ’90, e qualcuno gli rende merito dicendo: “ben prima dei diti di Umberto Bossi e del dito di Cattelan davanti alla borsa” , ah ciumbia ma che bel merito questa originalità del gesto.

Quando lunedì 31 maggio alle 5 di pomeriggio è uscita dal Moma, Marina Abramovic ha messo fine a una delle performance artistiche più lunghe della storia. Dal 14 marzo, giorno di inaugurazione della sua retrospettiva, l’artista è rimasta seduta su una sedia dell’atrio del museo sei giorni a settimana, sette ore al giorno.

Il New York Times racconta com’è andata:

Capelli raccolti in una treccia appoggiata sulla spalla sinistra e pelle bianchissima, la sua posa è rimasta quasi sempre la stessa: il corpo leggermente piegato in avanti a fissare in silenzio di fronte a sé. C’era un solo fattore variabile, il pubblico. I visitatori del museo venivano invitati a sedersi in una sedia di fronte a lei: la sedia non è rimasta quasi mai vuota e in totale si sono avvicendate quasi 1400 persone, alcune per solo pochi minuti, altre per un giorno intero.

Tutte le persone sono state fotografate e le foto pubblicate su Flickr:

quelli che guardano Marina Abramovic al Moma

a me sono venute solo due domande:

perchè quelli che vanno a vedere l’arte contemporanea sono così brutti?
e perchè in così in tanti piangono?

e poi una curiosità: come ha fatto per la pipì?

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: